Progetto di ricerca promosso dall'Istituto di Antropologia-Associazione Mirasole
Disturbi del comportamento alimentare nei figli di genitori separati

Sinossi del progetto

Introduzione. I disturbi del comportamento alimentare (DCA), rappresentati principalmente da anoressia nervosa (AN) e Bulimia Nervosa (BN), sono malattie psichiatriche con importanti ricadute organiche che compromettono lo stato di salute e la vita sociale/professionale del paziente, oltre a coinvolgere, e spesso sconvolgere, l'interno nucleo familiare.

Si ritiene oggi che queste patologie, consistenti in gravi distorsioni della condotta alimentare, siano il risultato di una complessa interazione tra fattori genetici e fattori ambientali. Tra questi ultimi occupa un posto cruciale l'ambiente familiare. Esiste una larga messi di studi che dimostrano come alterazioni dell'equilibrio familiare possano promuovere lo sviluppo di queste malattie. Per contro, sono disponibili solo pochi dati sui rapporti tra uno specifico evento familiare, ossia la separazione dei genitori, e la prevalenza di DCA nei figli. Del tutto mancanti sono studi tra la prevalenza di DCA nei figli di separati e la modalità del loro affido – condiviso o meno – ai genitori. Recenti osservazioni indicherebbero cheil futuro stato di salute fisica/psicologica dei figli è tanto migliore quanto più il loro affido è temporalmente condiviso tra i due genitori.

Obiettivi. 1) Valutare l'esistenza di una relazione tra separazione/divorzio dei genitori e presenza di DCA nei figli 2) Valutare il grado di condivisione dell'affido 3) Valutare l'esistenza di una relazione tra il tempo passato dai figli con uno dei genitori, ossia grado di condivisione dell'affido, e presenza di DCA 4) Valutare le tipologie di DCA presenti nei figli di genitori separati, nonché l'esistenza di una relazione tra conflittualità della separazione e comparsa di DCA nei figli.

Studio. Prevede due tipi di intervento, effettuati mediante specifici questionari, diretti ad ottenere informazioni tra loro complementari. Il primo prevede la somministrazione di uno specifico questionario a genitori separati/divorziati; questo consentirà di stimare la prevalenza di DCA nei figli e di conoscere il tempo da questi passato con i due genitori. Nel secondo intervento, uno specifico questionario verrà somministrato a pazienti affetti da DCA afferenti a Centri specializzati. Il questionario, compilato dai pazienti se maggiorenni o insieme ai loro genitori in caso contrario, consentirà di stimare la prevalenza di separazione/divorzio nei genitori di questi pazienti, oltre che di conoscere il grado di condivisione del loro affido e altri dettagli come il tipo di DCA presente e il grado di conflittualità della separazione. La prevalenza di DCA nei figli di separati e la prevalenza di separazione familiare nei pazienti con DCA, verranno confrontate con le prevalenze note (ISTAT) di malattia e di separazione nella popolazione generale italiana. Per una valutazione statistica adeguata dei risultati sarà necessario disporre di 800 questionari correttamente compilati da genitori separati/divorziati e 300 questionari correttamente compilati da pazienti con DCA.

Risultati attesi. Se lo studio dovesse evidenziare una relazione positiva tra separazione/divorzio familiare e presenza di DCA nei figli, questo risultato potrebbe avere una grande trasferibilità, potendo essere utilizzato per promuovere una serie distrategie rivolte a creare una maggiore consapevolezza della famiglia sul proprio ruolo nella prevenzione e nella diagnosi precoce e anche nel trattamento di queste gravi patologie.